Vai al contenuto

brand reputation

data breach

Il GDPR? “Solo un costo”

Il GDPR è “solo un costo”. Questo è il risultato del sondaggio chiuso venerdì 29 marzo sul Blog RonchiLegal che chiedeva ai professionisti qual è il pensiero dominante dei loro clienti in relazione al nuovo Regolamento UE sulla data protection. E’ un dato che non stupisce ma fa riflettere su quale sia la concreta percezione dei Titolari del trattamento alla richiesta dell’Europa di porre una maggiore e più sostanziale attenzione ai dati che ciascuno di noi custodisce e tratta, confermando una linea di tendenza che avevo già personalmente constatato e descritto in un mio post del mese di settembre 2017 (che potete trovare qui). Per chi, come me, cerca ogni giorno di far apprezzare gli aspetti positivi del GDPR ai propri clienti, è difficile far breccia nella generalizzata rassegnazione e disillusione delle aziende, illustrando i potenziali benefici della normativa europea, sia… Leggi tutto »Il GDPR? “Solo un costo”

GDPR e privacy

Il danno reputazionale nell’era del GDPR

Il concetto di reputazione non è certamente nuovo al diritto, ma l’avvento del web e dei social media ha enormemente ampliato le occasioni di una sua lesione, con conseguente danno per le aziende. La reputazione è tradizionalmente definita come la considerazione di cui un individuo gode nell’ambiente sociale in cui vive ed opera; per quanto riguarda le persone giuridiche, già da tempo la Suprema Corte di Cassazione ha sancito la risarcibilità, ex art. 2043 c.c., della lesione della reputazione commerciale (la cosiddetta brand reputation) dell’impresa che subisce un danno di immagine per il fatto di un proprio dipendente o di un dirigente o, ancora, di un concorrente. Nell’era del web, la nozione di danno alla reputazione commerciale si è evoluta o, se vogliamo, ha trovato la sua maturità: “la reputazione è fondamentale, sia essa riferita alla persona (Personal Reputation) o a un’azienda… Leggi tutto »Il danno reputazionale nell’era del GDPR